Maternità surrogata

La maternità surrogata è uno dei metodi di trattamento dell’infertilità in cui gli embrioni ottenuti durante il ciclo di fecondazione in vitro vengono trasferiti nella cavità uterina di una donna che non è geneticamente correlata a questi embrioni per un ulteriore parto. Nel ciclo della maternità surrogata, le uovociti di una madre genetica (donatore di ovociti) vengono fecondate con lo sperma del padre (donatore di spermatozoi) e trasferite nell’utero della madre surrogata.
I prerequisiti per la maternità surrogata sono:
• Presenza di indicazioni mediche;
• La coppia sposata (o almeno uno dei genitori in attesa) deve avere una connessione genetica con il figlio;
• La madre surrogata non dovrebbe avere un contatto genetico diretto con il bambino.
Una madre surrogata può essere una donna maggiorenne se ha un bambino sano e nessuna controindicazione medica. La maternità surrogata della madre viene condotta su base comune per il trattamento utilizzando tecnologie di riproduzione assistita.

La maternità surrogata in Ucraina è assolutamente legale ed è regolata dall’attuale Codice di famiglia dell’Ucraina e da una serie di altre normative. Puoi esercitare liberamente i tuoi diritti di genitorialità e maternità in Ucraina. L’articolo 123, paragrafo 2, del codice della famiglia dell’Ucraina stabilisce l’origine del bambino quando utilizza metodi di inseminazione artificiale e identifica chiaramente i genitori del bambino nato dalla madre surrogata della coppia che ha fornito i loro gameti (cellule germinali) e ha usato i servizi di una madre surrogata. Il paragrafo 3 dello stesso articolo stabilisce la possibilità per la copia di utilizzare ovociti donatori nella fecondazione in vitro, nel qual caso l’embrione sarà comunque considerato come originato dalla coppia. Inoltre, le questioni relative alla maternità surrogata sono regolate dall’ordine del Ministero della Salute “Sull’approvazione della procedura per l’uso delle tecnologie di riproduzione assistita in Ucraina” del 09.09.2013. N. 787, registrato presso il Ministero della Giustizia dell’Ucraina per № 1697/24229. Un coniuge che ha acconsentito all’uso di tecnologie di riproduzione assistita ha tutti i diritti e le responsabilità genitoriali dei figli nati a seguito dell’uso di queste tecniche.

Iscriviti per una consultazione oggi

O LASCIA LA TUA DOMANDA
Registrazione online